Indagini lungo la Bevera

Indagini lungo la Bevera

La Foldtani srl, per conto del Comitato della Difesa delle Bevere e del Parco Regionale della Valle del Lambro, sta conducendo una serie d’indagini per la riqualificazione Ambientale dell’area della Ex Cava Molera a Fornaci di Briosco (MB)
indagini
L’area ha un notevole pregio storico, geologico e naturalistico.
Si tratta infatti di una vecchia cava di pietra usata per macine da mulino ed edilizia “povera”. La stessa attività era già cessata ancor prima del secondo conflitto mondiale.

La pietra utilizzata è la “Molera” (detta così perchè si usava per le “mole”-macine dei mulini) ed è data dalla Formazione della Gonfolite, nome dato ad un insieme di formazioni rocciose di età corrispondente all’Oligocene e al Miocene Inferiore-Medio p.p. (circa tra i 28 ed i 20 milioni di anni fa), affiorante principalmente al bordo padano della catena alpina, tra le città di Como e Varese. Si tratta di sedimenti di natura terrigena, clastica, che costituiscono corpi sedimentari assai articolati. Le litologie rappresentate vanno da peliti e marne ad arenarie (prevalentemente a composizione litica o litico-feldspatica), a conglomerati (con varia granulometria, da fine a molto grossolana e composizione prevalentemente cristallina derivante dall’erosione della catena alpina). In Brianza centrale, tra i paesi di Besana Brianza, Briosco e Inverigo, sono presenti limitati e discontinui affioramenti di Gonfolite (arenarie e peliti) databili al Miocene medio e superiore (Langhiano e Serravalliano), che rappresenterebbero quindi i termini affioranti più recenti.

Il lungo abbandono ha permesso il formarsi di una grande naturalità, con forte biodiversità

Per migliorare tale situazione si intende creare una piccola area umida (pond in inglese) per permettere la deposizione di uova delle rane, aumentandone la popolazione, oltrechè di un habitat adatto a salamandre e tritoni.
Dato che occorre fare della movimentazione di terra (tutto all’interno del futuro cantiere naturalistico), ai sensi dell’art. 185 del D.Lgs 152/06, è stato condotto un controllo delle Terre e Rocce da Scavo !
indagini
E’ stata creata una trincea esplorativa (poi chiusa), profonda 1,2 m da p.c., con prelievo di un campione omogeneo di terreno da sottoporre ad analisi.

Contemporaneamente nella vicina Bevera di Renate (appena 50 m a monte dell’area) sono state campionate alcune schiume, particolarmente persistenti
indagini
indagini

Successivamente, presso gli uffici della Foldtani, è stato fatto un controllo speditivo del contenuto di Ammoniaca dell’acqua, per evidenziare (o meno) una contaminazione da reflui organici.
indagini
indagini
I test hanno dato esito negativo (si tratta di schiume inorganiche).

Share Button
Scritto in Analisi Chimiche, Indagini ambientali, Novità, Recuperi Ambientali, Rinaturazione ed Ingegneria Naturalistica, Terre e Rocce da Scavo con tag , , , , , . Salva nei preferiti permalink.

Replica

Il vostro indirizzo email non viene reso pubblico.

Potete usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

FrenchEnglish